Vito Mele - scultore e pittore

   

accesso galleria opere d'arte

leggi le notizie dell'artista

torna alla home page






L’amore per l’arte che lo scultore Vito Mele ha sempre manifestato nel corso degli anni, è all’origine del Museo Mele sito nel Santuario Santa Maria de Finibus Terrae a Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo – Lecce).

Il Museo Mele è un importante museo artistico italiano situato nel Santuario Santa Maria de Finibus Terrae a Santa Maria di Leuca.

La struttura museale è destinata ad offrire ai visitatori uno spaccato dell’arte scultorea nazionale ed internazionale dalla fine dell’ottocento ai giorni nostri.
Sono presenti artisti di grande valore e, particolarmente significativa, risulta la presenza degli artisti salentini che, grazie al museo, potranno avere maggiore visibilità e veicolazione.

Nel Museo Mele si trovano i migliori scultori del 19°, del 20° e del 21° secolo. Sul piano delle scelte stilistiche, invece, la collezione mette insieme opere figurative ed opere informali e astratte mostrando un gusto eclettico e senza grossi vincoli pregiudiziali.

L'accostamento di tanti artisti provenienti da territori ed esprienze distanti, si traduce in un dialogo continuo tra tradizione e contemporaneità, tra laicità e sacralità che rende complessa la lettura del percorso.
Del resto nel catalogo "Verità e poesia della forma", che presenti un repertorio di schede biografiche curate da Massimiliano Cesari con la collaborazione di Luciana Palmieri, Giorgio Severo dichiara apertamente la volontà di non creare steccati critici soprattutto nella previsione di ampliare la collezione con una sezione dedicata alla pittura, nella quale saranno presenti artisti distanti nel tempo nello spazio e per gli stili di riferimento.

È necessario sottolineare come la perspicacia di Vito Mele ha consentito la realizzazione di una struttura destinata ad arricchirsi nel tempo di nuove opere e, nel tempo, capace di convogliare e affascinare i visitatori.


"Grazie all'immensa generosità del Sig. Vito Mele è stato inaugurato sabato 31 luglio 2004, alle ore 19.30, a Santa Maria di Leuca il "Museum Vito Mele". Alla manifestazione sono intervenute autorità civili, militari oltre ad un folto gruppo artisti, critici d'arte e tanta gente.

Le opere sono state sistemate nei vecchi locali adiacenti alla Basilica, carichi di secoli di storia e restaurati in occasione del Giubileo del 2000.

Più di 120 sono i capolavori che, per il momento il museo custodirà. Si tratta di sculture a livello nazionale e internazionale di artisti dai primi dell'ottocento ai giorni nostri come Giò Pomodoro, Medardo Rosso, Eros Pellini, Giovanni Conservo, Gaetano Martinez, Floriano Bodini, Armando , Marrocco, Oreste Quattrini, e tanti tanti altri ancora.

Vito Mele è originario di Presicce. Negli anni '60 si trasferì a Garbagnate Milanese per motivi di lavoro. Appassionato di scultura e pittura ha dedicato tutta la sua vita a collezionare opere di grandi artisti.

Trovandosi, un giorno a parlare con il Rettore Parroco Mons. Giuseppe Stendardo della Basilica, della intenzione di donare la sua collezione per la costituzione di un museo nel Salento questi manifestò tutto il suo entusiasmo e la sua disponibilità ed immediatamente gli mise a disposizione, per il momento, due ampie sale in attesa di approntarne delle nuove, non solo, ma si disse disposto, quale segno di gratitudine ad intitolargli il museo.

Dal 31 luglio il museo, che già faceva parte del programma prefissossi da Mons. Stendardo all'inizio del suo ministero presso la Basilica è una realtà e sarà certamente un punto di attrazione per moltissimi turisti e pellegrini ed ancora motivo di studio per tantissimi studenti i quali potranno ammira-re opere uniche di autori famosi presenti su molti testi di storia dell'arte.

Il Museo Vito Mele è importante non solo perché raccoglie opere dei più grandi artisti del Salento ma anche perché vede presenti, insieme, grandi artisti dell' Italia e del Mondo, ed è destinato a diventare il vanto del Salento.
Un'opera così importante, ma certamente di più ampie dimensioni, la si può trovare solo a Bologna presso il museo Cardinale Lercaro. "L'opera non si esaurisce qui - ha detto don Giuseppe nel suo intervento - abbiamo incontrato tanti altri artisti in pittura i quali ci hanno fatto dono di alcune loro tele di grandissimo valore e che teniamo gelosamente custodite in attesa di allestire, con queste opere una grande pinacoteca".

Un ringraziamento sentito don Giuseppe ha rivolto oltre alle autorità, a tutti gli artisti e ai numerosissimi intervenuti fermandosi ad esaltare il semplice, umile, bravissimo artigiano: maestro Arnaldo Frazzetto. Il quale ha voluto arricchire i locali con il portone tutto in ferro battuto vero capolavoro d'arte che certamente rimarrà alla storia come la valentia dei nostri artigiani: "gente senza grande cultura - ha detto don Giuseppe - ma capace di lasciare traccia indelebile alle generazioni future".
Egli ha ringraziato poi il grande critico d'arte di fama internazionale prof. Giorgio Seveso che ha illustrato le opere esposte nel museo e ha scritto la presentazione del catalogo; il prof. Massimiliano Cesari che ha curato le biografie degli artisti.
La Banca Generali nelle persone dei signori Cosimo Murra, Mauro Russo e Paolo Fino, che ha sponsorizzato il catalogo. Infine, il ringraziamento più sentito al signor Vito Mele che con il suo impagabile e impareggiabile gesto ha voluto rivalutare questa nobile, calda, traboccante di sensibilità e molto ospitale, terra salentina. -
Tratto da Verso l’Avvenire - Settembre – Ottobre 2004 "


Credits & Copyrights Vito Mele
Via del convento 4 - Garbagnate Milanese 20024 - Milano
Mobile +39 347 9344827 - Tel 02 9958891

vito mele  

museo vito mele - museo nel salento

Dove opera lo scultore del bronzo

Contatta lo scultore del bronzo

Chi lo scultore

Le sculture in bronzo

I bronzi

Acquistare le sculture in bronzo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I MESTIERI DELL'ARTE DEL BRONZO

SCULTURA crea e materializza idee in oggetti, sculture in bronzo, e opere d'arte in bronzo e quant'altro la fantasia gli detta.

FORMATORE produce forme e calchi in gesso , in gomma, in resina , a tasselli , a colaggio ecc... da modelli originali ed oggetti vari.

RITOCCATORE dalle forme in precedenza realizzate produce e ricava il modello in cera a sezione per poi montarlo dove necessario e con maestria lo arricchisce e lo impreziosisce ritoccandolo la dove necessario con piccole spatole ed utensili artigianali.

FONDITORE A CERA PERSA con varie tecniche e sistemi antichi ma ancora validi trasporma il modello di cera in bronzi.

FONDITORE A TERRA E CONCHIGLIA riproduce da forme di metallo (ottone o acciaio) e calchi in sabbia speciale oggetti in bronzo e metalli vari.

Più di 120 sono i capolavori che, per il momento il museo custodirà. Si tratta di sculture a livello nazionale e internazionale di artisti dai primi dell'ottocento ai giorni nostri come Giò Pomodoro, Medardo Rosso, Eros Pellini, Giovanni Conservo, Gaetano Martinez, Floriano Bodini, Armando , Marrocco, Oreste Quattrini, e tanti tanti altri ancora. Raccolta Cardinale Lercaro


SALDATORE rimette assieme le varie sezioni delle sculture in bronzo con sistemi e tecniche appropiate (autogeno, elettrico, o a stagno) ricostruendo anche eventuali piccole imperfezioni di fusione.

CESELLATORE ritocca e impreziosisce arricchendo e valorizzando con metodi e tecniche artistiche diverse ma sempre rigorosamente artigianali; riproduzioni da museo, oggetti sacri, sculture in bronzo ed oggetti vari.

PATINATORE esalta le caratteristiche dell'opera con vari colori e tecniche diverse di ossidazione unendo fantasia artistica e maestria.

TORNITORE MECCANICO-ARTISTICO un connubio di tecnica meccanica specializzata ed una profonda conoscenza artistica che permette di creare quando occorre oggetti particolari.

La scultura e' l'arte e la tecnica di ricavare da un materiale come il bronzo, una rappresentazione plastica: scultore, scultori
la
scultura in bronzo. Il bronzo viene scavato, plasmato per ricavarne sculture in bronzo: i bronzi.
Scultura bronzo
Sculture in bronzo
Arte bronzi
Bronzi
Scultura
Mostra di sculture
Bronzo
Sculture Bronzo
Più di 120 sono i capolavori che, per il momento il museo custodirà. Si tratta di sculture a livello nazionale e internazionale di artisti dai primi dell'ottocento ai giorni nostri come Giò Pomodoro, Medardo Rosso, Eros Pellini, Giovanni Conservo, Gaetano Martinez, Floriano Bodini, Armando , Marrocco, Oreste Quattrini, e tanti tanti altri ancora. Raccolta Cardinale Lercaro Bologna Sculture Bronzo
Bronzo
Mostra di sculture
Scultura
Bronzi
Arte bronzi
Sculture in bronzo
Scultura bronzo

Tra le sculture in bronzo possiamo distinguere quella scultura a tutto tondo o a tutto rilievo quando la scultura non legate ad alcun piano, ma scultura isolata, tale che possa vedersi intorno da ogni parte. In caso contrario si parla di sculture in bronzo ad altorilievo o sculture in bronzo a bassorilievo.